Sabato 2, Domenica 3 e Lunedì 4 Luglio la città di Ruvo festeggerà l'Ottavario del Corpus Domini, la festa patronale dalle origini tra le più incerte.
Secondo una tradizione orale, tramandata nei secoli seppur non supportata da alcun documento scritto, l'istituzione della processione è opera del conte di Ruvo Carafa nel lontano XVI secolo. La tradizione racconta che al ritorno da una battuta di caccia in contrada "Parco del Conte", il signorotto entrò in paese nel momento in cui si stava snodando la processione del Corpus Domini, interrompendola e creando scompiglio tra i presenti. La popolazione, sdegnata per il gesto, iniziò ad inveire contro il Conte che rischiò perfino il linciaggio.
Durante questi momenti concitati avvenne il prodigio: il cavallo del Conte, al passaggio del SS. Sacramento si prostrò, inginocchiandosi. Il Conte, visto ciò, decide di ripetere la processione in modo più sfarzoso otto giorni dopo (di qui il nome Ottavario) offrendosi di reggere l'ombrello durante le benedizioni. La processione si tenne e sfarzose furono le celebrazioni con le benedizioni sugli altari allestiti nei pressi delle quattro porte della Città: Porta Castello, attuale Piazza Matteotti, Porta Nuova, nei pressi della Chiesa del Purgatorio, Porta Noè, attuale Piazza Bovio, Porta del Buccettolo, nei pressi della Chiesa di S. Giacomo al Corso e in Piazza Menotti Garibaldi, nei pressi della Torre dell'Orologio.

Ancora oggi, la processione continua a tenersi anche se ridimensionata e ridotta a una sola benedizione in Piazza Matteotti.
La tradizione, negli anni '40 del 900, fu raccolta dal parroco di S. Giacomo al Corso, Don Francesco Caldarola senior, che commissionò al pittore Mario Prayer un affresco per il cappellone del SS. Sacramento riproducente, citando il cartiglio alla base, "il Conte di Ruvo Duca Carafa di Andria che istituisce la solenne Processione dell'Ottavario".

(nelle foto - da sinistra: l'affresco di Mario Prayer, la folla in Piazza Castello durante l'Ottavario 1929, la benedizione in piazza Menotti Garibaldi)

Di seguito il programma dei festeggiamenti.
Picture
 


Comments


Comments are closed.