Sabato 2, Domenica 3 e Lunedì 4 Luglio la città di Ruvo festeggerà l'Ottavario del Corpus Domini, la festa patronale dalle origini tra le più incerte.
Secondo una tradizione orale, tramandata nei secoli seppur non supportata da alcun documento scritto, l'istituzione della processione è opera del conte di Ruvo Carafa nel lontano XVI secolo. La tradizione racconta che al ritorno da una battuta di caccia in contrada "Parco del Conte", il signorotto entrò in paese nel momento in cui si stava snodando la processione del Corpus Domini, interrompendola e creando scompiglio tra i presenti. La popolazione, sdegnata per il gesto, iniziò ad inveire contro il Conte che rischiò perfino il linciaggio.
Durante questi momenti concitati avvenne il prodigio: il cavallo del Conte, al passaggio del SS. Sacramento si prostrò, inginocchiandosi. Il Conte, visto ciò, decide di ripetere la processione in modo più sfarzoso otto giorni dopo (di qui il nome Ottavario) offrendosi di reggere l'ombrello durante le benedizioni. La processione si tenne e sfarzose furono le celebrazioni con le benedizioni sugli altari allestiti nei pressi delle quattro porte della Città: Porta Castello, attuale Piazza Matteotti, Porta Nuova, nei pressi della Chiesa del Purgatorio, Porta Noè, attuale Piazza Bovio, Porta del Buccettolo, nei pressi della Chiesa di S. Giacomo al Corso e in Piazza Menotti Garibaldi, nei pressi della Torre dell'Orologio.

Ancora oggi, la processione continua a tenersi anche se ridimensionata e ridotta a una sola benedizione in Piazza Matteotti.
La tradizione, negli anni '40 del 900, fu raccolta dal parroco di S. Giacomo al Corso, Don Francesco Caldarola senior, che commissionò al pittore Mario Prayer un affresco per il cappellone del SS. Sacramento riproducente, citando il cartiglio alla base, "il Conte di Ruvo Duca Carafa di Andria che istituisce la solenne Processione dell'Ottavario".

(nelle foto - da sinistra: l'affresco di Mario Prayer, la folla in Piazza Castello durante l'Ottavario 1929, la benedizione in piazza Menotti Garibaldi)

Di seguito il programma dei festeggiamenti.
Picture
 
 
Si è conclusa il 16 giugno, con la cerimonia di premiazione la seconda edizione del  concorso “Un Click sulla tua Settimana Santa” che ha riscosso un grandissimo successo, ben al di sopra delle aspettative, con più di 220 foto inviate per un totale di 63 partecipanti, provenienti da tutte le regioni d'Italia e persino dalla città di Tunja in Colombia.

Durante la serata, moderata da Michele Pellicani, sono intervenuti l’ex Assessore alla Cultura, Turismo e Pubblica Istruzione del Comune di Ruvo di Puglia, Cleto Bucci, che ha promosso e sostenuto questa iniziativa sin dalla sua nascita e che ha sottolineato l’importanza dello scambio delle diverse tradizioni, autentici simboli di religiosità, il Sindaco del Comune di Ruvo di Puglia, Vito Ottombrini, che ha ringraziato l’organizzazione per questa importante opera di promozione delle tradizioni rubastine sfruttando le nuove tecnologie e per la quale ha ricevuto numerosi riscontri, il presidente dell’Associazione Culturale Opera, Gaetano Armenio, che ha espresso il suo personale ringraziamento a quanti hanno collaborato a questa lodevole iniziativa, il presidente dell’Associazione Turistica Pro Loco di Ruvo di Puglia, Giuseppe Tedone, che ha sottolineato l’importanza della rete quale formidabile veicolo per lo scambio di tradizioni e cultura.

Dopo aver ringraziato quanti, dai priori delle Confraternite ai media, hanno reso possibile il grande successo di questo concorso fotografico, si è passati alla premiazione dei vincitori, scelti valutando l'aderenza al regolamento e la carica espressiva degli scatti.

Primo classificato per la Sezione Amatori, Enzo Paparella con la foto intitolata “Implorazioni e preghiere al Gesù Calvario”, scattata a Ruvo di Puglia durante la  Processione dei SS. Misteri del Venerdì Santo. Si è piazzato al secondo posto, sempre nella Sezione Amatori, Vincenzo Angelieri con lo scatto “Nei loro occhi” realizzato a Marsala (TP) durante la Processione del Giovedì Santo.

Terzo classificato per la Sezione Amatori, Francesco Licandro con la foto “L’attesa”, scattata a Caltanisetta durante la Processione del Cristo Nero del Venerdì Santo. Il Premio della Stampa per la Sezione Amatori è stato assegnato a Genny Lo Verde per la foto “Uno scorcio sulla Settimana Santa”, scattata a Enna. L’Associazione Pro Loco ha assegnato una menzione speciale alla foto di Alessandro Manzi “La Confraternita del Sacro Cuore (Sacconi)”, scattata a Sezze Romano (LT) durante la Processione del Venerdì Santo.

Prima classificata per la Sezione Professionisti la foto di Frank Lovicario “Supplizio”, scattata a Altamura (BA) durante la Via Crucis Vivente. Secondo classificato per la Sezione Professionisti, Roberto Orru con la foto “Sguardi”, scattata a Tunja, Colombia durante la Processione del Giovedì Santo. Terzo classificato, Sezione Professionisti, Giuseppe Roppo con “Lacrime di Pietà”, foto scattata a Carbonara (BA).

I vincitori hanno ricevuto le coppe offerte dall’Amministrazione Comunale e dalle quattro Confraternite ruvesi mentre a tutti i partecipanti sono stati consegnati gli attestati di partecipazione.

L’appuntamento è ora rinnovato alla terza edizione per nuove emozioni e suggestioni dalla Settimana Santa italiana e internazionale.