Picture
IL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI SI È DEGNATO DI DELIBERARE E CONCEDERE IL DISTINTIVO DI ONORE DELLA SACRA CROCE "PRO ECCLESIA ET PONTEFICE" ISTITUITO PER PERSONE DISTINTE PER ECCELLENZA DI IMPEGNO E ATTIVITÁ A SUOR MARIA MAZZONE, CONCEDENDO NELLO STESSO TEMPO A COSTEI DI FREGIARSI DI TALE ONORIFICENZA".

Così recita la motivazione fatta pervenire a Suor Maria dal Santo Padre Benedetto XVI, che oggi 27 settembre, sarà solennemente proclamata da S.E.R. Mons. Nicola Girasoli (Nunzio Apostolico in Zambia e Malawi), durante la cerimonia di conferimento officiata presso la Cattedrale di Ruvo alle ore 19. L’organizzazione è a cura del parroco don Salvatore Summo, lui stesso sostenitore della missione di Suor Maria e fautore della costruzione della “Casa Ruvo” nella City of Joy di Mazabuka (Zambia).

Suor Maria con la sua sconfinata umiltà, ci confida delle quotidiane difficoltà che affronta, dell’aiuto che vorrebbe fosse dato al suo meraviglioso progetto, di quel salone e di quel trattore che da tempo sogna di procurarsi.

Con velata commozione ci confessa che la gioia più grande l’ha provata ieri, quando ha saputo che muove i primi passi un vaccino efficace contro l’AIDS, una malattia che in Africa massacra inarrestabile migliaia di innocenti vite umane ogni anno. È forse questo il tangibile tributo della provvidenza divina, ricompensa di tante fatiche e di tanti sacrifici, in 21 anni di missione.

Ora ansiosa e trepidante, attende l’abbraccio e il calore umano dei suoi concittadini, che di sicuro non le faranno mancare il loro genuino affetto. I ruvesi che da tempo l’hanno accolta a braccia aperte su Facebook, inviandogli i loro più fervidi auguri e tributi di stima, sono pronti a dimostrare la loro innata e immensa solidarietà per sostenere il suo mirabile progetto d’amore.

 

ANTONIO VISICCHIO
 


Comments


Comments are closed.