Picture
Ed eccoci arrivati, come ogni anno, alla mesta conclusione dei riti penitenziali della Settimana Santa e dell'intera Quaresima. Alle 16.30 in punto, ha varcato il portone della Chiesa del Purgatorio il simulacro in cartapesta della Pietà. La Madonna, distrutta dal dolore, tiene sul grembo il corpo livido e senza vita del figlio per un ultimo atto d'amore.L'attuale gruppo statuario rappresenta la Madonna con gli abiti del lutto ai piedi della croce nuda e con in grembo il corpo senza vita del figlio. L'opera, in cartapesta, e' dell'artigiano leccese Giuseppe Manzo e porta la data del 1901. I gravi colpi della grancassa e lo stendardo emblema del sodalizio aprono il corteo processionale, seguito dalle associate e dalle consorelle, che vestono un abitino di colore nero con sul petto l'effige di Maria Santissima del Suffragio e sul retro le iniziali M.S.S. Dopo la lunga schiera di consorelle, la Croce penitenziale apre il folto gruppo dei confratelli che vestono con camice bianco, al cinto un cordolo di colore nero, una tracolla trasversale su cui spicca un medaglione in argento, riportante un teschio con tibie incrociate, severo richiamo alla vanita' e caducita' delle cose terrene, e a mo di copricapo la buffa.Il simulacro della Beata Vergine e' portato a spalla a passo smorto da circa quaranta portatori, accompagnato nel lento incedere dalla banda che esegue le meravigliose e strazianti marce funebri.
La Processione ha percorso le maggiori strade del nostro centro, secondo il seguente itinerario: Partenza Chiesa del Purgatorio, largo Purgatorio, corso Piave, via Ten. Col. Fiore, via N. Rosselli, corso Cotugno, via Duca della Vittoria, via Oberdan, corso Gramsci, piazza Matteotti, via A. De Gasperi, via Vittorio Veneto, via Cattedrale, via Mons. Bruno, piazza Dante, corso G. Jatta, corso Cavour, piazza Bovio, corso Carafa, corso Gramsci, piazza Cavallotti, corso G. Jatta, via Cattedrale, rientro nella Chiesa del Purgatorio.

Segue una piccola fotogallery della processione. Altre foto su www.settimanasantaruvo.tk.
 


Comments


Comments are closed.