Si sono appena conclusi, con il tradizionale spettacolo pirotecnico, i festeggiamenti per San Biagio, vescovo e martire patrono della Città e della Diocesi. Prima di lasciarvi alla bella galleria fotografica con gli scatti di Biagio Stragapede, pubblichiamo un estratto della omelia per la messa pontificale del 3 febbraio 2009 del nostro Vescovo Mons. Luigi Martella che lascia a tutti noi ruvesi, attraverso la voce del nostro patrono, un importante messaggio di vita.

Ho riflettuto molto, in questi giorni precedenti la festa, ed ho pensato: cosa dirò ai cari fedeli di Ruvo? Non volevo sembrare ripetitivo, dopo la visita pastorale che mi ha portato nelle varie comunità parrocchiali, nelle scuole, nelle case, tra le associazioni, tra i gruppi, mi sembrava essere a corto di argomenti, pur nella convinzione che la Parola di Dio è inesauribile. Allora ho osato chiedere aiuto al mio grande confratello vescovo e martire S. Biagio. Gli ho chiesto: Tu che sai tutto, tu che sei presso Dio, ormai da tanti secoli e conosci bene il suo pensiero, cosa mi suggerisci? Al mio posto cosa diresti agli amici di Ruvo, ai quali so che ci tieni? 
Ho immaginato che S. Biagio fosse davvero interessato a quanto gli chiedevo, e abbozzandomi un sorriso, mi dicesse: Vedi, caro vescovo, innanzitutto vorrei che tu dicessi a questo popolo che gli voglio veramente bene e che per loro faccio di tutto per ingraziarmi il Principale (cioè Dio), il Figlio suo Gesù e la Madre, la Madonna. Per la verità non faccio molta fatica perché, come sempre, essi sono ben disposti con tutti. Dopo di che potrai assicurare ancora il caro popolo di Ruvo che sarò sempre a loro fianco e non ci sarà nulla che mi distoglierà dall’affetto per loro. Certo, mi farebbe piacere che tutti si ricordassero un po’ più non soltanto di me, ma soprattutto di Colui dal quale tutti veniamo e al quale tutti siamo destinati. Vorrei, insomma, che Dio fosse davvero al centro della vita di ciascuno.


Mons. Luigi Martella, Vescovo della Diocesi di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi
 


Comments


Comments are closed.