Picture
Simon Vouet, Santa Cecilia
Lunedì 22 novembre 2010 anche a Ruvo si festeggerà Santa Cecilia, Patrona della musica, grazie all’Associazione culturale musicale “Apulia Musica e Tradizioni”, col patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Ruvo, Assessorato alla cultura e con la Parrocchia della Santa Famiglia.

Secondo la tradizione, Cecilia sarebbe nata da una nobile famiglia a Roma. Sposata al nobile Valeriano, gli avrebbe comunicato il suo voto di perpetua verginità. Valeriano accettò e si convertì al cristianesimo divenendo, come la moglie, un fedele di papa Urbano I. Ma la persecuzione verso i cristiani infuriava e i due vennero decapitati, probabilmente ad opera del Prefetto della città, Almachio. La testa di Cecilia, però, resiste ai colpi di spada: Dio le concesse di non morire prima di aver rivisto il Papa per l'ultima volta. Cecilia venne sepolta nelle catacombe di San Callisto.

È quanto mai incerto il motivo per cui Cecilia sarebbe diventata patrona della musica. In realtà, un esplicito collegamento tra Cecilia e la musica è documentato soltanto a partire dal tardo Medioevo.
La spiegazione più plausibile sembra quella di un'errata interpretazione dell'antifona diintroito della messa nella festa della santa (e non di un brano della Passio come talvolta si afferma). Il testo di tale canto in latinosarebbe: Cantantibus organis, Cecilia virgo in corde suo soli Domino decantabat dicens: fiat Domine cor meum et corpus meum inmaculatum ut non confundar ("Mentre suonavano gli strumenti musicali (?), la vergine Cecilia cantava nel suo cuore soltanto per il Signore, dicendo: Signore, il mio cuore e il mio corpo siano immacolati affinché io non sia confusa"). Per dare un senso al testo, tradizionalmente lo si riferiva al banchetto di nozze di Cecilia: mentre gli strumenti musicali (profani) suonavano, Cecilia cantava a Dio interiormente. Da qui il passo ad un'interpretazione ancora più travisata era facile: Cecilia cantava a Dio... con l'accompagnamento dell'organo. Si cominciò così, a partire dal XV secolo (nell'ambito del Gotico cortese) a raffigurare la santa con un piccolo organo portativo a fianco. (fonte wikipedia.it)


Ecco il programma delle manifestazioni di lunedì 22 novembre 2010
ore 08,00 Diana a cura della ditta Giovanni Padovano di Genzano (PZ)
ore 17,00 Piazza Matteotti - Esecuzione di marce sinfoniche, a piè fermo, da parte del gra concerto Bandistico Apulia’s Citta di Ruvo di Puglia diretto dal M° Pino Caldarola, seguirà: giro della banda per i principali corsi della città.
ore 18,30 S. Messa presso la Chiesa della Santa Famiglia.
ore 19,30 Presso il salone della parrocchia, Concerto della Banda Apulia’s con la partecipazione dei vocalist Valentina Leone (Soprano) Maria Meerovich (Soprano) Giovanni Mazzone (Tenore).

Programma del Concerto:
A. Dvorak: Sinfonia N° ) op. 95 “Dal Nuovo Mondo” – IV movimento;
G. Puccini: Gianni Schicchi – “O mio Babbino Caro” (Sop. Maria Meerovich;
G. Donizetti: Elisir D’Amore – “Una Furtiva Lacrima” (Ten . Giovanni Mazzone)
G. Verdi: Il Trovatore – “Stride La vampa”(sop. Valentina Leone);
Schubert – Vidale “Angeli in Paradiso” gran rivista schubertiana;
G. Puccini: La Bohéme – “Mi Chiamani Mimì” (Sop. Maria Meerovich);
G. Verdi: La Traviata – Preludio atto primo e Brindisi – (Sop. Valentina Leone – ten. Giovanni Mazzone)
AA.VV. Canzoni Classiche Napoletane

Al termine del concerto giochi pirotecnici e lancio di un pallone aerostatico.



 


Comments


Comments are closed.