La Confraternita “Purificazione-Addolorata” con sede nella chiesa di San Domenico, sin dalla sua fondazione, durante la sua storia plurisecolare, ha sempre curato olte all’aspetto spirituale dei suoi  congregati anche il decoro degli arredi della chiesa contribuendo unitamente ai Padri Scolopi nel corso dell’800 e con la Parrocchia nel ‘900, a rendere la Chiesa sopra menzionata, tra le più ricche di opere nel panorama artistico-culturaledella nostra città. Rispettando questa sua prerogativa, oggi la congrega intende avviare i lavori di restauro di due preziose statue in cartapesta che raffigurano l’una “Gesù Morto” probabilmente attribuibile alla scuola leccese e risalente a metà 800 e l’altra un “Ecce Homo” attribuibile ugualmente alla scuola leccese degli anni ‘900. Il recupero di   queste due opere, rappresenta un dovere morale, un obbligo che abbiamo con la nostra storia, un obbligo che accomuna non solo la confraternita ma tutti i cittadini  di Ruvo desiderosi di difendere le proprie origini, la propria cultura e le sue opere d’arte. E’ per questo che la congrega ha bisogno del Vostro contributo per dare maggiore lustro alla nostra Chiesa, ricordando che la statua del “Gesù Morto” andrebbe a riposizionarsi nell’altare della Desolata esattamente ai piedi della Madonna riportando l’intero altare agli antichi splendori, mentre la statua dell’”Ecce Homo” potrebbe essere esposta nel museo Diocesano di Prossima apertura.  Pertanto nei prossimi giorni una delegazione della Congrega vi farà visita per raccogliere eventuali offerte che la vostra generosità vorrà elargire per far fronte alle spese del restauro. Sicuro di un Vostro riscontro,  colgo l’occasione per ringraziarVi anticipatamente e per salutarVi fraternamente.

Priore: SIMONE SALVATORELLI


fonte: www.ruvodipugliaweb.it

 


Comments


Comments are closed.